Language
 Italian
Summary
Questa è la storia di un'amicizia inaspettata che nasce fra chi è diverso e ancora non si conosce.
A short fragment of the story

La richiesta della mia amica mi creava dei dubbi: mi chiedeva se potevo ospitare a casa dei ragazzi eritrei, un ragazzo e una ragazza. Io volevo e non volevo. Il problema era che non ci conoscevamo affatto e chissà quale imbarazzo si sarebbe creato tra me e loro e come convivere insieme e quanto tempo. Si fa presto ad avere l’idea di essere utili, però poi realizzare quest’idea è tutta un’altra cosa. E non è solo una questione di culture… 


 



Allora la mia amica mi porta da loro; in un appartamento dove vivevano insieme almeno una decina di eritrei. Entro con un bagaglio di imbarazzo e di disagio: sono anche un po’ infastidita da questa “terapia d’urto” della mia amica. Loro mi sorridono, lei comincia a parlarci con grande allegria, capiscono benissimo il mio imbarazzo e cercano di parlare con me. Qualcuno conosce l’italiano, qualcuno no. Alla fine viene fuori un misto di italiano, inglese e gesti e incominciano i primi miei sorrisi. Sparisce quel disagio, i tempi si dilatano e stiamo lì a chiacchierare tra noi, in quel modo un po’ strano. 


 


Poi arriva Ivan, un bambino di 5 anni con due occhini bellissimi. Era stato al pronto soccorso per una malattia della pelle: aveva le mani tutte rosse. 


                              


Arriva anche uno dei due ragazzi che avrebbe dovuto venire a stare da me. Era imbarazzato almeno quanto me quando sono entrata li. Nemmeno mi guarda negli occhi, Ivan è suo amico. Francesca ha l’idea di andare a casa mia, così, per rompere il ghiaccio. Con noi viene Ivan: è lui il tramite per rompere il ghiaccio. 


 


A casa Ivan gioca con il mio gatto e io e Francesca e quel ragazzo giochiamo e ridiamo con Ivan e il ragazzo non ha più l’imbarazzo di prima. Nessuno di noi tre è più a disagio. Quando vanno via, Ivan è molto dispiaciuto di lasciare il gatto e lo chiama “la cosa piccola”. L’ho rivisto un giorno che andavamo all’asilo a prendere mio nipote. Ho visto quegli occhioni dalla porticina dell’asilo e gli ho detto: “Io ti conosco!”. Lui sorrideva e in quel momento mi sono sentita contenta. 


 


Mio nipote mi racconta che Ivan è “cattivo” che morde gli altri bambini, che ruba i giochi degli altri e io gli dico: “Lo sai che è stato a casa mia? Lo sai che ha giocato con ginger? (che è il mio gatto). Una volta ti va di invitarlo a giocare?”. E mio nipote mi ha detto di sì.  


 


Read the story
Countries
Why this story is important
Una storia che parla di dialogo e di fiducia: basta lasciarsi un po' andare e conoscere ciò che non si conosce per imparare a fidarsi e a creare un mondo migliore.
How this story was created
Questa storia è stata scritta all'interno di un laboratorio di narrazione autobiografica come forma di partecipazione attiva alla società. Successivamente è stata inserita nel portale "European Memories".

Policy

This work can be used under the Creative Commons Licence - Non-commercial Licence - Non Derived Works, as applied in the different countries where it is recognized (see site https://creativecommons.org/worldwide, which includes the licences for the different countries; if your country is not indicated, you have to refer to the British Licence).
Such licence includes the possibility of:
  • Reproducing, distributing, communicating to the public, displaying in public, representing, carrying out and acting out the work.
The licence is applied under the following conditions:
  • Attribution: anyone who utilizes the work must indicate its origin in the ways indicated by the author or the person who released the work under the licence;
  • Non Commercial: the work cannot be used for commercial purposes;
  • Non Derived: the work cannot be altered or transformed nor can it be utilized to create another.
Translation into other languages is allowed. We only ask you to send the translated copy to: storyap.archive@gmail.com
Thanks for the participation!


https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0/it/deed.en