Storie di quarantenaEduStories
Language
 Italian
Summary
”Ho sempre visto una parte di me in chi soffre… A Pasqua abbiamo pianto insieme…”. Una madre invalida di cui prendersi cura e un’empatia innata per chi soffre e sta male. Un messaggio di fiducia da accogliere, un’intervista da leggere e ascoltare
A short fragment of the story

Abstract

Miriam: Nello Amato è un ragazzo molto attivo nel campo della solidarietà, sia nella sfera privata, che nella sfera pubblica. La sua esperienza personale e familiare ha molto da insegnarci sul senso profondo della solidarietà durante, pre e post quarantena. Iniziamo con qualche domanda…

 Durante la quarantena tu sei rimasto a Bologna, nel collegio dove studi. Hai deciso di non tornare alla tua casa natale…. Cosa è successo? Hai potuto continuare a svolgere la tua attività di volontariato? Nello: Ho trascorso il periodo del lockdown a Bologna, in una “residenza mista” che ospita sia borsisti e collegiali afferenti al Collegio Superiore di Bologna sia persone portatrici di disabilità, soprattutto non vedenti,  insieme ad un gruppo di volontari che li assiste. A PASQUA ABBIAMO PIANTO INSIEME. Quando è iniziato il periodo di quarantena infatti, alcuni hanno continuato, comunque, ad abitare qui. Altri sono riusciti a tornare a casa prima del decreto dell’8 marzo. Qualcun altro era già a casa e non è potuto tornare e anche questo è stato complicato, perché molti si sono ritrovati senza libri per studiare. Per coloro che vivono sulla propria pelle la disabilità è stato ancora più complicato. Io  ho continuato a fare volontariato, non in maniera ufficiale, perché il ragazzo con cui faccio il volontario è tornato in Puglia. Però  sono venuto in contatto con  un altro ragazzo non vedente e una ragazza che invece è abbastanza autonoma, ma ha una lieve disabilità.  Con loro  ho intessuto una relazione di amicizia più forte ed intensa rispetto a prima. Addirittura,  la ragazza in questione non la conoscevo neanche prima del lockdown.  La nostra residenza è diventata una sorta di piccola grande famiglia in un momento così delicato. Ci siamo molto avvicinati. Ho vissuto il periodo del lockdown in maniera diversa. Tanti si sono magari annoiati a casa, io no. Nonostante le distanze sociali e fisiche, abbiamo cercato di confrontarci, esserci l’uno per l’altro. Così abbiamo sperimentato la solidarietà. Le problematiche mie personali diventavano quelle degli altri. A Pasqua, ad esempio, insieme a questa ragazza, non ci siamo potuti abbracciare però abbiamo pianto insieme. Lei mi ha raccontato le sue problematiche personali e fisiche. Non menziono i dettagli, io invece altri tipi di difficoltà. Io le ho confidato pensieri e le preoccupazioni che avevo verso i miei genitori che mi avevano tolto il sonno per un mese. In quel momento non ci siamo abbracciati per rispetto delle regole e per il fatto che abitiamo con altre persone. Ciò nonostante, piangendo insieme quelle lacrime ci hanno uniti più di un abbraccio. Miriam: E’ proprio il significato di empatia! Nello: Sì, solidarietà vista da più prospettive. Da un lato come aiuto materiale e dall’altro come aiuto emotivo, che è molto più importante e più delicato e difficile da attuare. Donare vestiti usati si fa in maniera più semplice, ma esserci per un’altra persona, ascoltarla è molto più complicato e non è da tutti. (Scarica il pdf)

Ascolta l'intervista: https://youtu.be/KInEOC-iXUQ


Read the story
Countries
Useful links
This story is participating to these calls
This story is part of this specific projects
Email
segreteria@geapolis.it

Policy

This work can be used under the Creative Commons Licence - Non-commercial Licence - Non Derived Works, as applied in the different countries where it is recognized (see site https://creativecommons.org/worldwide, which includes the licences for the different countries; if your country is not indicated, you have to refer to the British Licence).
Such licence includes the possibility of:
  • Reproducing, distributing, communicating to the public, displaying in public, representing, carrying out and acting out the work.
The licence is applied under the following conditions:
  • Attribution: anyone who utilizes the work must indicate its origin in the ways indicated by the author or the person who released the work under the licence;
  • Non Commercial: the work cannot be used for commercial purposes;
  • Non Derived: the work cannot be altered or transformed nor can it be utilized to create another.
Translation into other languages is allowed. We only ask you to send the translated copy to: storyap.archive@gmail.com
Thanks for the participation!


https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0/it/deed.en