Prendere per mano il futuro..
Language
 Italian
Summary
Questa è la storia di Naima, che dall'Algeria è venuta in Italia, e della sua vita nella penisola.
A short fragment of the story

Mi sento un po’ a disagio, non so da dove iniziare... E’ la prima volta che mi capita di essere intervistata sulla mia vita. Qualche volta parlo di me con gli amici ma questa è una cosa nuova. Ho scelto io di raccontare a qualcuno la mia storia, ma mi sento un po’ strana perché non ti conosco. Però c’è il desiderio di parlare, quando senti solitudine addosso che ti accompagna tutto il giorno…  

 

C’è il bello e il brutto che sono in Italia. Sono qui da 14 anni, sono venuta come turista con l’aereo e son rimasta per lavoro. Ho trentanove anni, Omar, mio figlio, ne ha tre e mezzo. In Algeria insegnavo francese in scuola elementare, qui ho fatto baby-sitter, colf, insegnante di danza, cantante nei locali, cameriera, cuoca, commessa, attualmente estetista… tutte cose diverse, una si adatta per poter vivere. Sono rimasta qui durante un viaggio, volevo provare, cambiare qualcosa nella mia vita. L’Algeria mi piaceva e mi piace tuttora, sono qui forse per mia situazione personale che mi ha spinto a cambiare, perché io ero già divorziata in Algeria. E allora il mio è stato un atto di libertà.  

Read the story
Countries
City
Roma
Why this story is important
In questa storia Naima si racconta ad uno sconosciuto: è un atto liberatorio, il parlare di sé, ma è anche un rendersi conto dell'importanza della propria storia. E se la sua è una storia di migrazione ci tiene a raccontare come migrare non sia (o almeno non solo) una sventura, ma anche un "prendere in mano il proprio futuro". Ecco, questa storia ci insegna a rivalutare il nostro sguardo sulle storie di migrazione.
How this story was created
Questa storia è stata raccolta da Alfredo Varone, e fa parte del lavoro Storie Migranti.

Policy

This work can be used under the Creative Commons Licence - Non-commercial Licence - Non Derived Works, as applied in the different countries where it is recognized (see site https://creativecommons.org/worldwide, which includes the licences for the different countries; if your country is not indicated, you have to refer to the British Licence).
Such licence includes the possibility of:
  • Reproducing, distributing, communicating to the public, displaying in public, representing, carrying out and acting out the work.
The licence is applied under the following conditions:
  • Attribution: anyone who utilizes the work must indicate its origin in the ways indicated by the author or the person who released the work under the licence;
  • Non Commercial: the work cannot be used for commercial purposes;
  • Non Derived: the work cannot be altered or transformed nor can it be utilized to create another.
Translation into other languages is allowed. We only ask you to send the translated copy to: storyap.archive@gmail.com
Thanks for the participation!


https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0/it/deed.en