Pré vestibular, la “marea” studentesca antirazzista che travolse il Brasile
Language
 Italian
Summary
Tra gli anni ’80 e ’90 soltanto il 2% dei giovani abitanti afro nelle periferie povere riusciva a proseguire gli studi universitari, tra tasse insostenibili e scarso livello di scolarizzazione. Per questo nacquero i “quilombos” del pré vestibular comunitaro, un movimento in lotta per aiutare milioni di neodiplomati neri a superare l’esame di ammissione negli atenei . Tra tutti quei milioni anche una giovane Marielle Franco.
A short fragment of the story

Se volessimo provare a sintetizzare in un acronimo questa storia, anziché DAD, didattica a distanza, dovremmo formulare la sigla ADDD: A Distanza (la più lunga possibile) Dalla Didattica. In portoghese DAE: “Distante da Atividade Escolar”.

Fuori dai giochi linguistici, le proteste degli studenti italiani costretti, dalla pandemia, a seguire le lezioni da casa, davanti a un monitor, per certi versi hanno un precedente. Un fenomeno di massa che risale a circa 30, 40 anni fa, Oltreoceano. Milioni di giovani, ogni fine settimana, percorrevano distanze chilometriche, dalle periferie e favelas brasiliane per ritrovarsi tutti insieme in assemblee e presidi informali, e resilienti. Gruppi di studio “matto e disperatissimo”, di mutuo aiuto, per passare l’impossibile “vestibular”, l’esame di accesso alle università. Perché, in Brasile, negli anni ’80 e ’90, gli atenei non erano mica accessibili a tutti. Porte sbarrate soprattutto ai poveri, “carentes”. Peggio se

Read the story
Countries
Why this story is important
Le storie di lotta, anche se lontane, ci insegnano che non siamo soli e che combattiamo per gli stessi bisogni: è questo il senso di ricordare ancora oggi Marielle Franco e le lotte in Brasile.
How this story was created
Questa storia è stata raccolta e creata da Gianluca Palma per Il Migrante (www.ilmigrante.org) e successivamente editata dal team di Storie di Mondi Possibili.
Useful links

Policy

This work can be used under the Creative Commons Licence - Non-commercial Licence - Non Derived Works, as applied in the different countries where it is recognized (see site https://creativecommons.org/worldwide, which includes the licences for the different countries; if your country is not indicated, you have to refer to the British Licence).
Such licence includes the possibility of:
  • Reproducing, distributing, communicating to the public, displaying in public, representing, carrying out and acting out the work.
The licence is applied under the following conditions:
  • Attribution: anyone who utilizes the work must indicate its origin in the ways indicated by the author or the person who released the work under the licence;
  • Non Commercial: the work cannot be used for commercial purposes;
  • Non Derived: the work cannot be altered or transformed nor can it be utilized to create another.
Translation into other languages is allowed. We only ask you to send the translated copy to: storyap.archive@gmail.com
Thanks for the participation!


https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0/it/deed.en