YoMem - Young Messengers of European Memory10 cose che ho imparato…
Language
 Italian
Summary
Un racconto autobiografico legato alla mia città, Taranto, e alle riflessioni di un adolescente di fronte ai problemi ambientali e sociali...
A short fragment of the story

Ho sempre cercato di capire di più della vita, sin da ragazzo, specie di fronte a ciò che mi pareva stridente, insensato. Una prima precoce evidenza fu per me il fatto che mi pareva uno spreco vedere tante energie e conoscenze spese nella tecnica e nella creazione di dispositivi sempre più sofisticati, opere gigantesche, quando poi intorno, nell’ambiente e nella vita delle persone, era tutto un disastro. Ero ancora adolescente quando ebbi l’opportunità di visitare alcuni particolari impianti dell’Ilva, ex Italsider, al tempo la più grande industria siderurgica europea, a Taranto, dove anche mio padre lavorava. Ero con un gruppo di giovani della chiesa, e dopo la messa celebrata sugli impianti un operaio ci portò di straforo ad uno degli altiforni. Ricordo la colata della ghisa, il calore arrivava fortissimo….le mastodontiche strutture di metallo, la sottile polvere di ferro marrone che copriva ogni superficie, compresa la pelle degli operai ….. ….. ….


Read the story
Countries
City
Taranto
Why this story is important
Tempo fa lessi un’intervista allo scrittore Erri De Luca in cui gli chiedevano se sentisse di appartenere alla sua città natale, Napoli. Non ricordo le sue precise parole, ma lui rispose in qualche modo di “appartenere alla fuga dalla sua città”. Questa idea mi ha risuonato; sento anche io di appartenere alla fuga dalla città dove ho vissuto, Taranto.
Apparteniamo non solo a ciò che abbiamo “sposato”, ma anche alle nostre fughe, a ciò da cui ci siamo allontanati. Il luogo dove ho vissuto fino ai vent’anni mi ha insegnato l’importanza del mettere in discussione modalità di vita, visioni del mondo, modelli di pensiero e di azione che non ci corrispondono.
Siamo felici di come viviamo le nostre giornate? Siamo contenti di come va il mondo? Quando siamo mossi da un moto di insoddisfazione, malessere, inquietudine, è perché in qualche modo percepiamo che qualcosa non ci appartiene, ci allontana da ciò che più profondamente ci fa felici. Così come l’indignazione per ciò che ci sembra ingiusto.
Quanto spazio diamo a quel senso di sana inquietudine e insoddisfazione che si agita dentro di noi, e che ci spinge – come Ulisse – a cercare nuove terre, nuove possibilità?
Da giovane soffrivo osservando il mio ambiente di vita.
Percepivo l’assurdità della violenza che veniva perpetuata sulla natura, simboleggiata dal mostro di ferro costantemente sovrastato da dense nubi grigie, che dispensava la città di una coltre uniforme di polvere color ruggine.
Percepivo, sin da adolescente, come il modello di mascolinità che mi veniva proposto, basato sula violenza, fosse grottesco e portatore di sofferenza. Era una intuizione, una percezione quasi sentita sulla pelle, più che un pensiero lucido.
Questi vissuti hanno acceso dentro di me alcune delle domande che hanno mosso tutta la mia vita:
Come contribuire a migliorare la società?
Come possiamo creare un modello migliore di mascolinità, non basato sulla violenza?
A volte, a partire da queste domande, sono riuscito a trovare delle risposte, e anche a dare un mio contributo. Ciò anche grazie a persone ed esperienze incontrate nel mio percorso.
Ecco alcune cose che ho imparato:
1- L’importanza di indignarsi; il “No”, gridato, o pronunciato dentro di noi, rivolto verso qualcosa che percepiamo come profondamente ingiusto, è il punto dipartenza. Nel caso di Taranto non era difficile, la situazione era estrema…. Ma a volte le forme di ingiustizia o di violenza possono essere più subdole.
2- Esistono sempre delle alternative ai sistemi iniqui; viviamo nell’epoca delle mille possibilità della tecnica; dedichiamo risorse enormi a cose discutibili; immaginate se le stesse risorse fossero destinate al bene comune!
3- L’importanza di decostruire i condizionamenti negativi, che ci spingono a considerare come “normali” visioni del mondo distruttive.
4- Esiste un alternativa ad un modello di mascolinità basato sula violenza, e molti uomini lo stanno già attuando.
How this story was created
Ho scritto questo racconto autobiografico all'interno del gruppo di scrittura "10 cose che ho imparato"
This story is part of this specific projects

Policy

This work can be used under the Creative Commons Licence - Non-commercial Licence - Non Derived Works, as applied in the different countries where it is recognized (see site https://creativecommons.org/worldwide, which includes the licences for the different countries; if your country is not indicated, you have to refer to the British Licence).
Such licence includes the possibility of:
  • Reproducing, distributing, communicating to the public, displaying in public, representing, carrying out and acting out the work.
The licence is applied under the following conditions:
  • Attribution: anyone who utilizes the work must indicate its origin in the ways indicated by the author or the person who released the work under the licence;
  • Non Commercial: the work cannot be used for commercial purposes;
  • Non Derived: the work cannot be altered or transformed nor can it be utilized to create another.
Translation into other languages is allowed. We only ask you to send the translated copy to: storyap.archive@gmail.com
Thanks for the participation!


https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0/it/deed.en