“VICINI” IN TEMPI DI DISTANZIAMENTO
Storie di quarantena
Lingua
 Italiano
Riassunto
Il COVID19, definito anche il subdolo virus della paura, ha colpito cinque persone a me care. Perché racconto questa storia? Perché l’esperienza di questo periodo mi ha insegnato che la vera famiglia non è fatta solo di legami di sangue. Mi ha insegnato che la solidarietà è l’unico investimento che non fallisce mai e che coloro che credono nelle relazioni umane e che sanno condividere troveranno sempre “il come” vivere ciò che credono…
Un frammento della storia

Il nemico invisibile del quale è dato di conoscerne unicamente il nome ha colpito cinque persone a me care. Il COVID19, definito anche il subdolo virus della paura si è insinuato in forma leggera nel fisico di tre amici che hanno potuto sconfiggerlo con cure farmacologiche, rimanendo in quarantena a casa. La vicina di casa, nel rispetto delle regole igieniche, di prevenzione e tutela si è costantemente prodigata nel provvedere alle loro necessità. Le altre due persone, invece, sono state aggredite dal virus in modo violento. Una di loro,  dopo alcune settimane di terapia intensiva non ce l’ha fatta. La seconda, protagonista della storia, invece, con fatica e sofferenza ne è uscita sana e salva. Mi piace raccontare alcuni aneddoti che hanno distinto la sua vicenda


Alla comparsa dei sintomi febbrili si potevano ipotizzare, come cause, una forma di raffreddamento dovuto a repentini sbalzi di temperatura, oppure il riproporsi dell’influenza stagionale…Trascorsi alcuni giorni, però, l’elevata temperatura corporea e soprattutto le notevoli difficoltà a respirare hanno reso necessario il ricovero ospedaliero e, da subito, l’utilizzo del casco per permettere la funzione respiratoria.


Tuttavia, la situazione clinica è continuata a peggiorare, rendendo necessaria la sperimentazione di diverse terapie e provocando, così, non pochi effetti collaterali. Il più devastante è stato il manifestarsi di un gonfiore notevole, diffuso in tutto il corpo. Il “volume” della paziente é tanto aumentato che il personale sanitario è stato costretto a tagliare le maniche della biancheria personale per liberare le braccia “devastate” da numerosi aghi cannula. Questo espediente, tuttavia non è stato sufficiente. Gli indumenti stringevano troppo altre parti del corpo. Neanche indossando il camice ospedaliero la situazione si è risolta. Non riusciva a sopportarlo. Le procurava una continua sensazione di freddo alla schiena. Informati i familiari, è stato proprio grazie alla solidarietà di una vicina di casa che la situazione ha potuto risolversi felicemente. In quel preciso momento i famigliari erano ovviamente sottoposti a quaranta domiciliare. Inoltre, con il lockdown i negozi erano chiusi. Nessuna possibilità di acquistare gli indumenti necessari alla congiunta ricoverata in ospedale. Nell’emergenza, la generosità creativa della vicina di casa ha fatto la differenza.


Leggi la storia
Paesi
Città
Piazzola sul Brenta (PD)
Perché questa storia è importante
Questa vicenda, che ho vissuto da vicino, è stata un’esperienza unica nel suo genere. Sono ancora più fermamente convinta che la magnanimità e l’altruismo, quando sono veri, brillano "autenticamente" nelle persone proprio nei momenti critici e di bisogno. Sono “le carte vincenti” che permettono di superare ogni ostacolo e vincere anche “le partite” più difficili. Chi ha un perché talmente forte può superare qualsiasi come… E così oggi che la vicenda si è conclusa felicemente vale ciò che affermava una grande donna: “Se qualcuno ti resta accanto nei momenti peggiori allora merita di essere con te anche nei momenti migliori”.
Link utili
Questa storia partecipa a questi concorsi
Email
segreteria@geapolis.it

Licenza

Il presente lavoro può essere usato sotto la licenza di Creative Commons – Licenza non commerciale – Lavori non Derivati, così come applicata nei diversi paesi in cui viene riconosciuta (per ulteriori informazioni controlla il sito https://creativecommons.org/worldwide, che include le licenze per differenti paesi; se il tuo paese non è indicato, fai riferimento alla licenza inglese).
Questa licenza include le seguenti possibilità:
  • Riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, proiettare in pubblico, rappresentare, portare avanti e recitare il lavoro.
La licenza si applica con le seguenti condizioni:
  • Attribuzione: chiunque utilizzi il lavoro deve indicare la sua origine nei modi descritti dall’autore o dalla persona che ha rilasciato il lavoro con la licenza;
  • Non Commerciale: il lavoro non può essere usato per scopi commerciali;
  • Non derivato: il lavoro non può essere modificato o trasformato né può essere utilizzato per la creazione di altri lavori.
La traduzione in altre lingue è consentita. Chiediamo solo di inviare la copia tradotta a: storyap.archive@gmail.com
Grazie per la partecipazione!


https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0/it/