YoMem - Young Messengers of European Memory10 cose che ho imparato…
Lingua
 Italiano
Riassunto
Un racconto autobiografico legato alla mia città, Taranto, e alle riflessioni di un adolescente di fronte ai problemi ambientali e sociali...
Un frammento della storia

Ho sempre cercato di capire di più della vita, sin da ragazzo, specie di fronte a ciò che mi pareva stridente, insensato. Una prima precoce evidenza fu per me il fatto che mi pareva uno spreco vedere tante energie e conoscenze spese nella tecnica e nella creazione di dispositivi sempre più sofisticati, opere gigantesche, quando poi intorno, nell’ambiente e nella vita delle persone, era tutto un disastro. Ero ancora adolescente quando ebbi l’opportunità di visitare alcuni particolari impianti dell’Ilva, ex Italsider, al tempo la più grande industria siderurgica europea, a Taranto, dove anche mio padre lavorava. Ero con un gruppo di giovani della chiesa, e dopo la messa celebrata sugli impianti un operaio ci portò di straforo ad uno degli altiforni. Ricordo la colata della ghisa, il calore arrivava fortissimo….le mastodontiche strutture di metallo, la sottile polvere di ferro marrone che copriva ogni superficie, compresa la pelle degli operai ..... ..... ....

Leggi la storia
Paesi
Città
Taranto
Perché questa storia è importante
Tempo fa lessi un’intervista allo scrittore Erri De Luca in cui gli chiedevano se sentisse di appartenere alla sua città natale, Napoli. Non ricordo le sue precise parole, ma lui rispose in qualche modo di “appartenere alla fuga dalla sua città”. Questa idea mi ha risuonato; sento anche io di appartenere alla fuga dalla città dove ho vissuto, Taranto.
Apparteniamo non solo a ciò che abbiamo “sposato”, ma anche alle nostre fughe, a ciò da cui ci siamo allontanati. Il luogo dove ho vissuto fino ai vent’anni mi ha insegnato l’importanza del mettere in discussione modalità di vita, visioni del mondo, modelli di pensiero e di azione che non ci corrispondono.
Siamo felici di come viviamo le nostre giornate? Siamo contenti di come va il mondo? Quando siamo mossi da un moto di insoddisfazione, malessere, inquietudine, è perché in qualche modo percepiamo che qualcosa non ci appartiene, ci allontana da ciò che più profondamente ci fa felici. Così come l’indignazione per ciò che ci sembra ingiusto.
Quanto spazio diamo a quel senso di sana inquietudine e insoddisfazione che si agita dentro di noi, e che ci spinge – come Ulisse – a cercare nuove terre, nuove possibilità?
Da giovane soffrivo osservando il mio ambiente di vita.
Percepivo l’assurdità della violenza che veniva perpetuata sulla natura, simboleggiata dal mostro di ferro costantemente sovrastato da dense nubi grigie, che dispensava la città di una coltre uniforme di polvere color ruggine.
Percepivo, sin da adolescente, come il modello di mascolinità che mi veniva proposto, basato sula violenza, fosse grottesco e portatore di sofferenza. Era una intuizione, una percezione quasi sentita sulla pelle, più che un pensiero lucido.
Questi vissuti hanno acceso dentro di me alcune delle domande che hanno mosso tutta la mia vita:
Come contribuire a migliorare la società?
Come possiamo creare un modello migliore di mascolinità, non basato sulla violenza?
A volte, a partire da queste domande, sono riuscito a trovare delle risposte, e anche a dare un mio contributo. Ciò anche grazie a persone ed esperienze incontrate nel mio percorso.
Ecco alcune cose che ho imparato:
1- L’importanza di indignarsi; il “No”, gridato, o pronunciato dentro di noi, rivolto verso qualcosa che percepiamo come profondamente ingiusto, è il punto dipartenza. Nel caso di Taranto non era difficile, la situazione era estrema…. Ma a volte le forme di ingiustizia o di violenza possono essere più subdole.
2- Esistono sempre delle alternative ai sistemi iniqui; viviamo nell’epoca delle mille possibilità della tecnica; dedichiamo risorse enormi a cose discutibili; immaginate se le stesse risorse fossero destinate al bene comune!
3- L’importanza di decostruire i condizionamenti negativi, che ci spingono a considerare come “normali” visioni del mondo distruttive.
4- Esiste un alternativa ad un modello di mascolinità basato sula violenza, e molti uomini lo stanno già attuando.
Come è stata creata questa storia
Ho scritto questo racconto autobiografico all'interno del gruppo di scrittura "10 cose che ho imparato"
Questa storia fa parte di questi specifici progetti

Licenza

Il presente lavoro può essere usato sotto la licenza di Creative Commons – Licenza non commerciale – Lavori non Derivati, così come applicata nei diversi paesi in cui viene riconosciuta (per ulteriori informazioni controlla il sito https://creativecommons.org/worldwide, che include le licenze per differenti paesi; se il tuo paese non è indicato, fai riferimento alla licenza inglese).
Questa licenza include le seguenti possibilità:
  • Riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, proiettare in pubblico, rappresentare, portare avanti e recitare il lavoro.
La licenza si applica con le seguenti condizioni:
  • Attribuzione: chiunque utilizzi il lavoro deve indicare la sua origine nei modi descritti dall’autore o dalla persona che ha rilasciato il lavoro con la licenza;
  • Non Commerciale: il lavoro non può essere usato per scopi commerciali;
  • Non derivato: il lavoro non può essere modificato o trasformato né può essere utilizzato per la creazione di altri lavori.
La traduzione in altre lingue è consentita. Chiediamo solo di inviare la copia tradotta a: storyap.archive@gmail.com
Grazie per la partecipazione!


https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0/it/