Imparare dalle storie

La storia…

I am my Europe
I am my Europe. I am a new agreement, signed by women and men. I am new way of thinking and get along with people. I have no colour, I have no religion. I have no nation MY nation is imagination I am an old person, living on his/ her memories. I am a young person looking for his/ her way. I am different people. I come from Itay, Germany, France, Polen, Iraq, Syria, Afganstan I dont know borders. I work for peace. I am peace. I reject war. That’s me
Qual è la tua Europa?

La mia Europa è un’utopia sociale, immaginata da persone che avevano visto gli orrori della seconda guerra mondiale, e che hanno immaginato una forme politica diversa per Paesi che fino ad allora erano stati avversari.

L’Europa è un esperimento sociale e politico unico al mondo, certo con molti difetti, ma per cui vale la pena di lottare.

Sono certo che molti, come me, desiderano un Europa dei diritti sociali e civili.

Un Europa in cui ci sia possibilità per tutti di accedere all’Educazione lungo tutto l’arco della vita. Un’educazione che on ci insegni a diventare più furbi e quindi più capaci di superare altri, ma che ci renda più capaci di cooperare con altri, e contribuire al bene comune. Un’educazione che ci renda più umani, e quindi più felici.

Un Europa dell’Inclusione Sociale, che non lascia indietro nessuno. Perché occuparsi degli ultimi, vuol dire occuparsi di tutti, anche di se stessi.

Un Europa della Giustizia Sociale. Perché se on c’è libertà di pensiero, espressione, religione, movimento, non c’è Europa.

Un Europa della Sostenibilità, che incorpori il rispetto e l’amore per la natura di cui siamo parte, la ricerca di sistemi di produzione che non pensino al solo profitto, ma anche ala tutele dell’ambiente, dei lavoratori, delle comunità.

Un Europa della parità di opportunità, per donne e uomini, indipendentemente dagli orientamenti sessuali.

Questa è l’Europe per cui molti di noi intendono lottare.