Lingua
 Italiano
Riassunto
Dietro le foto da cartolina del Madagascar, si nasconde un altro volto. Sapori e profumi straordinari, un modo di vivere semplice. Questo è il racconto di un'esperienza di volontariato nelle periferie di Tanà, capitale del paese.
Un frammento della storia

Oggi siamo ad Ilanivato, quartiere alla periferia della capitale. È tra questi quartieri dove ci sono i poveri più poveri che opera il Granello di senape. Baracche di pochi metri quadrati. Ci vivono in sei, in otto persone: un’unica stanzetta dove c’è solamente un letto per tutta la famiglia, il fuoco per cucinare acceso tra due pietre, sulla terra nuda, nient’altro. E sotto il letto una cassa col maiale… E’ la sua stalla. Baracche con tetti improntati alla meglio dove ci piove dentro. Siamo in gennaio, è la stagione delle piogge, ogni giorno l’acqua inonda le strade e isola i villaggi dalla città. Il fango, lo sterco, l’immondizia formano una melma fuori dalle baracche. Alcuni lavorano seduti sugli stracci, i piedi nudi nel fango. Alzano la testa per salutarci: – manaona!!! – che vuol dire buon giorno, e riabbassano la testa intenti a ricucire i sacchi usati, nella speranza di rivenderli. Altre donne e uomini stanno ricamando delle bellissime tovaglie e tende intagliate. Le donne mentre lavorano allattano, un gesto a cui non prestano molta attenzione, talmente naturale offrire il seno talvolta scarno ai più piccoli! Che fanno tutto da soli! Mentre le mamme continuano a lavorare al solito ritmo loro ciucciano un po’ poi vanno a giocare e ritornano attaccandosi con gesto quasi prepotente. Una donna sta cucinando nel cortile una povera zuppa di manioca e riso per tutti, mescolando con un bastone di legno in una ciotolona dove beccano anche le oche. E’ il menu di ogni giorno, l’unico pasto quotidiano. I bambini giocano felici a piedi scalzi e poi vanno a lavarsi al fiume. La maggior parte di loro non va a scuola, e infatti il 60% della popolazione è analfabeta. 


 


Leggi la storia
Paesi
Perché questa storia è importante
Una storia di viaggio, che però nasconde - come tutte le storie di questo tipo - grandi insegnamenti dal contatto con una cultura altra, rimasta incontaminata e semplice. Fa capire quanto in Occidente sia legato al consumismo, a necessità indotte, a comportamenti individualisti che altro non fanno che allontanarci dalla società. Ecco: andare in Madagascar ha significato disimparare queste cose e trovare quelle importanti. E questa storia le trasmette.
Come è stata creata questa storia
La storia è stata scritta all'interno di progetti legati alla narrazione di sé come forma di cittadinanza attiva.

Licenza

Il presente lavoro può essere usato sotto la licenza di Creative Commons – Licenza non commerciale – Lavori non Derivati, così come applicata nei diversi paesi in cui viene riconosciuta (per ulteriori informazioni controlla il sito https://creativecommons.org/worldwide, che include le licenze per differenti paesi; se il tuo paese non è indicato, fai riferimento alla licenza inglese).
Questa licenza include le seguenti possibilità:
  • Riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, proiettare in pubblico, rappresentare, portare avanti e recitare il lavoro.
La licenza si applica con le seguenti condizioni:
  • Attribuzione: chiunque utilizzi il lavoro deve indicare la sua origine nei modi descritti dall’autore o dalla persona che ha rilasciato il lavoro con la licenza;
  • Non Commerciale: il lavoro non può essere usato per scopi commerciali;
  • Non derivato: il lavoro non può essere modificato o trasformato né può essere utilizzato per la creazione di altri lavori.
La traduzione in altre lingue è consentita. Chiediamo solo di inviare la copia tradotta a: storyap.archive@gmail.com
Grazie per la partecipazione!


https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0/it/