Language
 Italian
Summary
Dietro le foto da cartolina del Madagascar, si nasconde un altro volto. Sapori e profumi straordinari, un modo di vivere semplice. Questo è il racconto di un'esperienza di volontariato nelle periferie di Tanà, capitale del paese.
A short fragment of the story

Oggi siamo ad Ilanivato, quartiere alla periferia della capitale. È tra questi quartieri dove ci sono i poveri più poveri che opera il Granello di senape. Baracche di pochi metri quadrati. Ci vivono in sei, in otto persone: un’unica stanzetta dove c’è solamente un letto per tutta la famiglia, il fuoco per cucinare acceso tra due pietre, sulla terra nuda, nient’altro. E sotto il letto una cassa col maiale… E’ la sua stalla. Baracche con tetti improntati alla meglio dove ci piove dentro. Siamo in gennaio, è la stagione delle piogge, ogni giorno l’acqua inonda le strade e isola i villaggi dalla città. Il fango, lo sterco, l’immondizia formano una melma fuori dalle baracche. Alcuni lavorano seduti sugli stracci, i piedi nudi nel fango. Alzano la testa per salutarci: – manaona!!! – che vuol dire buon giorno, e riabbassano la testa intenti a ricucire i sacchi usati, nella speranza di rivenderli. Altre donne e uomini stanno ricamando delle bellissime tovaglie e tende intagliate. Le donne mentre lavorano allattano, un gesto a cui non prestano molta attenzione, talmente naturale offrire il seno talvolta scarno ai più piccoli! Che fanno tutto da soli! Mentre le mamme continuano a lavorare al solito ritmo loro ciucciano un po’ poi vanno a giocare e ritornano attaccandosi con gesto quasi prepotente. Una donna sta cucinando nel cortile una povera zuppa di manioca e riso per tutti, mescolando con un bastone di legno in una ciotolona dove beccano anche le oche. E’ il menu di ogni giorno, l’unico pasto quotidiano. I bambini giocano felici a piedi scalzi e poi vanno a lavarsi al fiume. La maggior parte di loro non va a scuola, e infatti il 60% della popolazione è analfabeta. 

 

Read the story
Countries
Why this story is important
Una storia di viaggio, che però nasconde - come tutte le storie di questo tipo - grandi insegnamenti dal contatto con una cultura altra, rimasta incontaminata e semplice. Fa capire quanto in Occidente sia legato al consumismo, a necessità indotte, a comportamenti individualisti che altro non fanno che allontanarci dalla società. Ecco: andare in Madagascar ha significato disimparare queste cose e trovare quelle importanti. E questa storia le trasmette.
How this story was created
La storia è stata scritta all'interno di progetti legati alla narrazione di sé come forma di cittadinanza attiva.

Policy

This work can be used under the Creative Commons Licence - Non-commercial Licence - Non Derived Works, as applied in the different countries where it is recognized (see site https://creativecommons.org/worldwide, which includes the licences for the different countries; if your country is not indicated, you have to refer to the British Licence).
Such licence includes the possibility of:
  • Reproducing, distributing, communicating to the public, displaying in public, representing, carrying out and acting out the work.
The licence is applied under the following conditions:
  • Attribution: anyone who utilizes the work must indicate its origin in the ways indicated by the author or the person who released the work under the licence;
  • Non Commercial: the work cannot be used for commercial purposes;
  • Non Derived: the work cannot be altered or transformed nor can it be utilized to create another.
Translation into other languages is allowed. We only ask you to send the translated copy to: storyap.archive@gmail.com
Thanks for the participation!


https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0/it/deed.en